Lunedì 16 Dicembre 2019
Stramilano 2015 PDF Stampa E-mail
Lunedì 30 Marzo 2015 19:10
Milan l'è semper un gran Milan.
Bella, pulita, ordinata, gioiosa. Così è apparsa Milano, ieri mattina, agli occhi di migliaia di persone.
L'unico fatto che mi ha infastidito è stato vedere un Vigile del Fuoco runners (campionato italiano dei VVF) in corsa gettare a terra, lontano dalla zona dei ristori dove erano presenti i bidoni della spazzatura, il bozzetto vuoto dell'integratore, che prima aveva custodito in tasca.
In tasca non ci stava anche il bozzetto vuoto?
I compagni di viaggio mi abbandonano durante la notte, causa malanni di stagione e pertanto mi vedo costretto a svegliare mia moglie, chiedendo di accompagnarmi, con la promessa che dopo la corsa si mangerà dell'ottimo pesce.
A Milano incontro Giorgio, Lorenzo e Matteo, con i quali faccio il riscaldamento.
In griglia di partenza incontriamo molti valtellinesi.
Si parte. Mi sono ripromesso di iniziare correndo con margine i primi km. Al 3° Km mi affianca Pruneri e decido di non seguirlo, ma di tenerlo a tiro.
Al 7° Km ho una media di 3.54, e mi sento di aumentare il ritmo.
Al passaggio del 10° Km raggiungo Pruneri e correrò con lui buona parte della gara.
Altri 7 Km corsi a 3.47, leggermente troppo veloci.
Tengo bene. Raggiungo Pedroli e me ne vado con un gruppetto di VV.F. (doverosa precisazione, corpo che stimo moltissimo, anche se sopra mi sono sentito in dovere di criticare un loro atleta).
So che posso stare sotto il mio personale e stringo i denti, correndo bene gli ultimi chilometri e chiudendo felice in 1.21.17, segno di una buona forma, pur non avendo preparato specificatamente la mezzamaratona e pertanto non avendo molti chilometri nelle gambe.
Grande Enzo Vanotti, primo dei SM50.
Bene i fratelli Arduini, Alice Gaggi e Johny Bagiotti.
Dopo di loro il sottoscritto.
Bene anche Stefano Della Bosca che penso abbia abbassato di parecchio il proprio personale.
Sconsolato Giorgio Marveggio, che sicuramente si rifarà tra un mesetto in Costa Azzurra, alla mezza di Nizza.
L'atavica competizione tra il maratoneta Lorenzo ed il polivalente Matteo è andata a vantaggio di quest'ultimo.
E, per tutti, la sfida continua.
Riccardo
Bella Stramilano!
Condivido le impressioni di Riccardo: un evento ben organizzato, ottimo meteo e un pubblico sorridente.
Correre con queste condizioni è indubbiamente piacevole, i grandi viali di Milano senza auto ti invogliano a dare il meglio e per me (come ha notato Riccardo, grazie...) è stato il mio tempo migliore 1:22:17!
Mai stato così veloce, una bella soddisfazione dopo la lunga preparazione che mi sono "imposto" per tutto l'inverno.
La mia trasferta a Milano comincia il sabato per ritirare il pettorale e poi via domenica mattina sveglia presto -molto presto- colazione -abbondante...- e di nuovo in treno per Milano.
Passeggiata fino al Castello, riscaldamento al parco, due parole con Giorgio Marveggio che incontro poco prima di schierarmi in griglia e... finalmente si parte!
Cerco subito un ritmo sostenuto (per me) ma sostenibile, mi regolo con il cardio e mi attesto mediamente attorno al 3:55. Manterrò questo passo per tutta la gara e solamente negli ultimi chilometri cercherò uno sprint che non arriverà....
Poco male, chiudo comunque con il mio tempo migliore! Sono soddisfatto e stanco ma va bene lo stesso.
Non resta che tornare a casa, assaporare bene per alcuni giorni questa "vittoria" e poi ricominciare a correre e a divertirsi!
Arriverci alla prossima che per me sarà a Trieste il 3 maggio.
Stefano
Bella Stramilano!
Condivido le impressioni di Riccardo: un evento ben organizzato, ottimo meteo e un pubblico sorridente.Correre con queste condizioni è indubbiamente piacevole, i grandi viali di Milano senza auto ti invogliano a dare il meglio e per me (come ha notato Riccardo, grazie...) è stato il mio tempo migliore 1:22:17!Mai stato così veloce, una bella soddisfazione dopo la lunga preparazione che mi sono "imposto" per tutto l'inverno.
La mia trasferta a Milano comincia il sabato per ritirare il pettorale e poi via domenica mattina sveglia presto -molto presto- colazione -abbondante...- e di nuovo in treno per Milano.Passeggiata fino al Castello, riscaldamento al parco, due parole con Giorgio Marveggio che incontro poco prima di schierarmi in griglia e... finalmente si parte!Cerco subito un ritmo sostenuto (per me) ma sostenibile, mi regolo con il cardio e mi attesto mediamente attorno al 3:55. Manterrò questo passo per tutta la gara e solamente negli ultimi chilometri cercherò uno sprint che non arriverà....Poco male, chiudo comunque con il mio tempo migliore! Sono soddisfatto e stanco ma va bene lo stesso.
Non resta che tornare a casa, assaporare bene per alcuni giorni questa "vittoria" e poi ricominciare a correre e a divertirsi!
Arriverci alla prossima che per me sarà a Trieste il 3 maggio.
StefanoBella Stramilano!Condivido le impressioni di Riccardo: un evento ben organizzato, ottimo meteo e un pubblico sorridente.Correre con queste condizioni è indubbiamente piacevole, i grandi viali di Milano senza auto ti invogliano a dare il meglio e per me (come ha notato Riccardo, grazie...) è stato il mio tempo migliore 1:22:17!Mai stato così veloce, una bella soddisfazione dopo la lunga preparazione che mi sono "imposto" per tutto l'inverno.La mia trasferta a Milano comincia il sabato per ritirare il pettorale e poi via domenica mattina sveglia presto -molto presto- colazione -abbondante...- e di nuovo in treno per Milano.Passeggiata fino al Castello, riscaldamento al parco, due parole con Giorgio Marveggio che incontro poco prima di schierarmi in griglia e... finalmente si parte!Cerco subito un ritmo sostenuto (per me) ma sostenibile, mi regolo con il cardio e mi attesto mediamente attorno al 3:55. Manterrò questo passo per tutta la gara e solamente negli ultimi chilometri cercherò uno sprint che non arriverà....Poco male, chiudo comunque con il mio tempo migliore! Sono soddisfatto e stanco ma va bene lo stesso.Non resta che tornare a casa, assaporare bene per alcuni giorni questa "vittoria" e poi ricominciare a correre e a divertirsi!Arriverci alla prossima che per me sarà a Trieste il 3 maggio.
Stefano

Condividi su:

Deli.cio.us    Digg    reddit    Facebook    StumbleUpon    Newsvine
Ultimo aggiornamento Martedì 07 Aprile 2015 19:35
 

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.