Mercoledì 21 Agosto 2019
Trofeo Fanoni PDF Stampa E-mail
Domenica 07 Giugno 2015 20:59

Luca Albini e Alfio Mozzi nel campo maschile e Cinzia Cucchi,Stefy Gianoli,e Marina Testini si aggiudicano i 21^ trofeo Fanoni.
Sabato sera mi contattano le pupe: Vitto va a tirano per giro in bike,Sara c'e, 'anche se titubante sulle sue capacita' di portare a termine la sua prima Fidal,Ale fara' un lungo,Cip e Ciop non pervenute.
Io stesso propendevo per una sgroppata in montagna all'alba,ma poi ho pensato che non si poteva non fare la 21^ edizione della storica " Corsa podistica in montagna" .organizzata dalla mitica Vetreria Fanoni. Anche se ora per corsa in montagna si intende tutt'altro,con il Giugni sono senz'altro le corse piu' antiche in Valle, e come tale vanno onorate.
Non siamo tantissimi partecipanti,ma senza dubbio i piu' affezionati: i cinghialoni, Belotti, Mele', Cristini, Gugia, Fabio, Antonio, Delvo', Mottolini, Gianatti, Martinoli, Pola, Pelo, Alberto, insomma gli irriducibili e nostalgici delle corse; una decina di donne fra cui le nostre Laura e Sara.Noi siamo ben rappresentati,tanto che ci aggiudicheremo la coppa per la societa' piu' numerosa: un bell'orgoglio!!
Partenza anticipata,9.30,un condono,anche se il sole ci spappola gia' il cervello,scioglie le gambe e solo la poca materia grigia rimastaci ci permettera' di varcare il traguardo,trasfigurati,ma arrivati.
In partenza Diego mi propone di correre insieme,approvo, ma alla condizione che faccia lui l'andatura,alla salita per Triasso siamo tutti li',ma poi Diego accelera e va,non mi squasso e continuo con il mio passo,Paolo e' messo bene,con i primi,dopo l'Elba non lo tiene piu' nessuno,recupero e supero un Camer in crisi e corro discretamente l'ardua cementata che ci fa scollinare verso Castione.
Cerco di tenere dietro i miei avversari nella discesa,per poi risalire alla contrada Rosette; se il vecchio percorso che costeggiava la statale era monotono,ma agevole,questo nuovo e' senz'altro piu' tecnico,e piu' tosto.
Qui soffro parecchio , il caldo si fa sempre piu' soffocante,temo uno "sciopone",rallento e cammino per riprendere fiato,per poter affrontare la salita della Sassella con dignita'.....
Dietro la chiesa l'immancabile Peppo e poi tutto di un fiato verso il giro di pista nel campo coni, prima di varcare l'arrivo,senza mai voltarmi per l'incubo di essere ripreso da Camer.
L'ottimo rinfresco della Vetreria e la consegna della bottiglia gadget,mettono fine anche a questa avventura.
ciao a tutti


fabio giusto

 



 

Cosa aggiungere alle parole del Giusto? Come colorire quanto il maestro ha già sapientemente dipinto, con la sua penna?
L'essenza del Trofeo Fanoni è questa, gara forse ormai un po' naif, con la locandina che ritrae attempati corridori dalle vesti un po' larghe che si cimentano sulla discesa dalla Sassella; eppure gara dove per una volta è la vecchia canotta Fidal della società a farla da padrona, con i calzoncini con lo spacco che mandano per una domenica in pensione avveniristiche divise da sky-race, bandane, integratori e altre irrinunciabili modernità.
Rimangono a farla solo alcuni appassionati di queste piccole vecchie storie, mentre la moltitudine si divide tra laghi, montagna e irrinunciabili lunghi in quota per preparare nuove prove al confine dei propri limiti...
...contraddicendo proprio i moderni principi dell'allenamento e cedendo all'Operazione Nostalgia, decido di non tradire questa storica manifestazione e di affrontare la terza gara nel giro di sette giorni, dopo il Viandante e la Repubblica.
Le gambe ovviamente fanno sapere da subito di non essersi totalmente riprese, ma con una gestione oculata delle energie riesco a fare una discreta prova sotto il solleone, migliorando di circa quaranta secondi il tempo dello scorso anno.
Questa volta non riesco a competere con il Giusto, che assente giustificato martedì poichè impegnato nel servizio lungo il percorso, fa valere la maggior freschezza e classe sulle gare brevi.
Valviola e Tartano sono a questo punto i prossimi appuntamenti dove correre godendo degli splendidi scenari offerti dalle nostre montagne.

Fabrizio Pola


FOTO E CLASSIFICHE by PodistiValtellinesi

Condividi su:

Deli.cio.us    Digg    reddit    Facebook    StumbleUpon    Newsvine
Ultimo aggiornamento Lunedì 08 Giugno 2015 05:47
 

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.