De scia' e De la' Dela Malgina Stampa
Scritto da Fabio Giustolisi   
Martedì 19 Giugno 2018 07:24
Piu che de scia' e de La' Rinaldo per farci apprezzare le bellezze orobiche ha sconfinato ben oltre la val Malgina.
Ha allungato la gara di 2 km,d a 10.400 a 12.400 km, facendo intersecare piu' volte il percorso con quello dei mulini.
Tracciato perfetto,esaltante,tecnico e veloce,un bellissimo trail fra le selve orobiche,ben curato e pulito,un piacere
correrlo. Questi sono i percorsi che gradisco maggiormente e che mi esaltano,con discese tecniche su terreno battuto
dove riesco a correre, per lo meno, non perdo molto.
Complimenti davvero a Rinaldo ed al Castelraider per una gara bellissima,ben organizzata e a soprattutto a km 0; vedi
costi di iscrizione bassi,senza gadget,solo ristoro, ottimi premi per i vincitori. Quello che gradiscono i runners, tanto che
ben presto si esuriscono i pettorali, 300 iscritti.
Fino all'ultimo sono stato indeciso se correre il sabato a Berbenno o la domenica qui,poi ha prevalso la prima prova del
trofeo orobico.
Al via diverse canotte Marathon, le mie Pupe Ale, Gloria e la mini Pupa Erica,entrata da poco sotto la mia ala protettrice,
ma promettente e tenace; in settimana corro con Ale e con Erica affrontiamo il Mancapane con 700m+ per prepararci alla
VUT.
Ore 10.00 si parte, subito salita, e subito lotta per le prime posizioni,lo scorso anno sono arrivato davanti alla prima donna
e quest'anno punto allo stesso traguardo.
Katya parte forte,e la Cucchi mi tallona fin dall'inizio, ho sempre il suo fiato sul collo,mentre poco davanti la giovane Samantha
Bertolina fugge via; il Camer e il Tarabini poco avanti, mentre il giovane Mandelli prende subito il largo.
Ho la fortuna di trovare un compagno di viaggio, Nicola, sempre davanti a me,che mi guida e fa il passo,cosi riesco a correre
in scioltezza e con un punto di riferimento costante,e con lui anche le riesco ad aggredire le discese e non a farmi aggredire.
Il percorso bellissimo ci porta ad osservare scorci paesaggistici meravigliosi,su un tracciato sempre mosso e mai monotono.
Anzi veramente tosto,che culmina con la durissima salita finale veramente spezzagambe.
Chiudo in 1.20.12,davanti, di molto, alla prima donna: la Cucchi che precede di poco Katya. Dai cronometristi apprendo che
al maschile vince Chicco Gianoncelli in 1.03.12. Benissimo Stefano e le super donne Marathon: 5^ assoluta Giovanna, poi
Gloria, Ale e la mini Erica 3^ di categoria.
Diciamo che la struccata della val Viola ci ha fatto bene ci ha portato ad andare alla grande oggi.
N.B. Prima di chiudere devo menzionare anche il Marathon Dario Donati 1^ di categoria in val Viola.
alla prox
fabio giusto
Classifiche:
http://www.castelraider.it/images/Classifiche/delpo18+12D.pdf
http://www.castelraider.it/images/Classifiche/delpo18+12U.pdf

Condividi su:

Deli.cio.us    Digg    reddit    Facebook    StumbleUpon    Newsvine